Anbi Calabria e Coldiretti hanno incontrato la sottosegretaria per il sud Dalila Nesci . Investimenti irrigui, obbligo Durc e rapporti con la Regione i temi affrontati

Una delegazione di Coldiretti e  dell’ANBI Calabria  con i rispettivi presidenti   Franco Aceto e Rocco Leonetti  hanno incontrato la sottosegretaria di Stato per il Sud e la coesione territoriale, Dalila Nesci. “E’ stato un incontro cordiale e ricco di prospettive  – riferisce Franco Aceto presidente di Coldiretti Calabria – che ha trovato la sottosegretaria molto attenta e sensibile.”

 Il Presidente di Anbi Calabria ha illustrato il programma presentato alla Regione per l’utilizzo dei fondi del Recovery Plane  che si è voluto finalizzato all’ammodernamento  delle infrastrutture irrigue e degli invasi   alfine di ridurre i costi di manutenzione di impianti la cui epoca di realizzazione risale a molti decenni  e quindi di pervenire nel tempo  anche ad una graduale  riduzione dei  tributi consortili. Il Presidente di Coldiretti Calabria  ha fatto presente che i progetti presentati consentono anche  un recupero delle superfici  ad oggi attrezzate e non utilizzate che potranno assicurare  migliaia di posti di lavoro diretti e indiretti.

Il programma presentato ha  visto  i Consorzi di Bonifica della Calabria molto impegnati, predisponendo progetti cantierabili  in grado di sostenere   la transizione ecologica e manifestandosi  interlocutori attenti in ragione del ruolo essenziale che hanno sui territori di competenza.  Il Presidente dell’Anbi Calabria ha, inoltre, chiesto l’intervento della sottosegretaria  Nesci in merito alla esitazione del quesito mosso da mesi  dal Dipartimento regionale al Ministero del Lavoro circa l’obbligo di richiesta nei confronti dei Consorzi di bonifica del Durc,  allorché eseguono opere pubbliche di bonifica. Una problematica, che avrebbe in altre realtà potuto trovare soluzione all’interno della stessa  Regione, che é  quanto mai indifferibile e urgente poiché la compensazione delle eventuali somme,  di cui il Consorzio potrebbe essere  debitore, non può ricadere sugli importi relativi alla esecuzione delle opere che, è stato fatto presente alla sottosegretaria, non sono di proprietà del Consorzio e per la cui realizzazione l’ente consortile agisce come delegato nella ulteriore considerazione  che le opere appartengono al demanio regionale.  Infine, un altro tema trattato nel corso dell’incontro da parte dei rappresentanti  di Coldiretti e dell’Anbi Calabria  riguarda i rapporti dei Consorzi con la Regione Calabria.  Sono stati illustrate, all’esponente del Governo, le motivazioni alla base dell’attuale fase dei rapporti con la Regione che si sono inspiegabilmente allontanati dalla leale collaborazione instaurata e voluta dall’Anbi regionale al momento del suo insediamento avvenuto nel settembre scorso, allontanamento determinato  anche da una non chiara conoscenza da parte della burocrazia regionale  dei processi amministrativi che riguardano i Consorzi di Bonifica, costringendoli a rivolgersi alla magistratura amministrativa e civile per avere riconosciuti i loro diritti e non considerando il danno arrecato ai consorziati,  vanificando  così  le aspettative che ci sono sul territorio. La sottosegretaria Nesci ha preso buona nota di quanto riferito nel corso dell’incontro e ha sottolineato che si impegnerà affinchè alle problematiche poste saranno date risposte. Questa fase di ascolto-operativo è essenziale  – ha affermato – poiché serve a riposizionare in modo autorevole la Calabria all’interno delle problematiche che vive sui territori. Già dai primi contatti che l’on.Nesci ha immediatamente avuto sembrano aprirsi spiragli importanti.

28.03.2021    Ufficio Stampa Coldiretti Calabria

Michele Macri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *