ASP Cosenza. Le istituzioni premino il sacrificio del personale sanitario precario

ASP Cosenza. Le istituzioni premino il sacrificio del personale sanitario precario

COMUNICATO STAMPA

ASP Cosenza. Le istituzioni premino il sacrificio del personale sanitario precario

Risuonano ancora oggi gli encomi nei confronti del personale sanitario impegnato a fronteggiare l’emergenza da Covid19. Tanti uomini e donne che, nelle ore più buie, hanno avuto la forza di mettere da parte le proprie paure per affrontare un nemico invisibile e sconosciuto, dedicandosi con forza e professionalità alla cura e all’assistenza delle persone. Tuttavia, nei fatti, una gratificazione a tanto sacrificio, ancora non è stata riconosciuta, in particolare per alcuni di essi. Ci riferiamo agli infermieri impiegati attraverso la circolare dell’allora Presidente della Regione Calabria Jole Santelli, con la quale si autorizzavano le Aziende Sanitarie Provinciali ad assumere unità lavorative da destinare alle scuole; ma anche agli infermieri, OSS e personale tecnico amministrativo, assunti presso le USCA. Questi lavoratori, seppur precari, viste le condizioni emergenziali, fin da subito sono stati dirottati in prima linea, colmando così la grave carenza di personale che grava sugli ospedali. Inoltre, bisogna specificare che questi lavoratori sono stati formati dalle Aziende, oltre a formarsi direttamente sul campo con una vera e propria “prova del fuoco”. Ad oggi molti di essi sono stati già licenziati, per la restante parte, il prossimo 31 Agosto, è fissata la data di scadenza dei contratti, per cui potrebbero ottenere, come riconoscimento, il celebre “tante grazie e arrivederci”. La RSU dell’ASP di Cosenza, coordinata da Vincenzo Filareti della UIL FPL, non accetta il trattamento che questi preziosissimi lavoratori potrebbero presto ricevere: “lavoratori che hanno profuso grande impegno per contrastare i disastri causati dal Covid – afferma Filareti – battendosi con sacrificio, andando anche oltre il necessario. Abbiamo chiesto, insieme alle altre sigle sindacali, un incontro urgente e la convocazione della Delegazione Trattante ai vertici dell’ASP di Cosenza che si terrà martedì 2 Agosto, proprio per discutere di tali questioni contrattuali, affinché – conclude il coordinatore Filareti – non vadano perse unità lavorative già formate, vista la carenza di personale che esiste sul territorio ed in particolare affinché le istituzioni tutte, possano dare cenni di un vero riconoscimento a chi si è sacrificato per il bene della collettività ”.

Cosenza 30 Luglio 2022

Resp. Comunicazione Uil Fpl Calabria Antonio Bartoletti*

Michele Macri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.