CALABRIA: STRUTTURE BALNEARI, IN ARRIVO BANDO DA 10 MILIONI DI EURO

Avviso in preinformazione. Contributi fino a 50mila euro per le microimprese. L’assessore Orsomarso: «Misure per la ripartenza del settore»

Dalla Regione Calabria un avviso (in preinformazione) per il rilancio dell’offerta turistica balneare – attraverso interventi di riqualificazione e innovazione degli stabilimenti e delle strutture balneari marittime – in un periodo contrassegnato dall’emergenza Covid-19.

L’AVVISO

«La misura, che ha una dotazione finanziaria di 10 milioni di euro, a valere sul Pac Calabria 2007/2013 – spiega l’assessorato allo Sviluppo economico –, si rivolge alle microimprese che esercitano l’attività di gestione degli stabilimenti e delle strutture balneari marittime (codice Ateco 93.29.20) in regime di regolare concessione. È possibile presentare una sola domanda di aiuto, sulla base delle tipologie di intervento previste, con un importo totale delle spese ammissibili non inferiore a 30mila euro. L’importo massimo del contributo concedibile è pari a 50mila euro».

ORSOMARSO: «FINANZIAMO NUOVI SERVIZI»

«Dopo i nostri aiuti complementari e aggiuntivi a quelli del Governo – dichiara l’assessore al Lavoro, Sviluppo economico e Turismo, Fausto Orsomarso – arrivano le prime misure di investimento per la ripartenza. Vogliamo riqualificare i nostri lidi già dalla prossima estate, in modo da accogliere con più servizi i turisti che, lo speriamo, arriveranno numerosi in Calabria, così come la scorsa stagione».

«Sarà finanziata – aggiunge Orsomarso – la riqualificazione, la ristrutturazione, l’ammodernamento delle strutture nelle quali si svolge l’attività. In questo modo, incentiviamo i nostri operatori a introdurre nuovi servizi da offrire alla clientela, attraverso le più moderne tecnologie informatiche e digitali, anche in termini di sostenibilità ambientale per la riduzione di consumi energetici, plastiche e imballaggi. Senza dimenticare il supporto alle dotazioni, finalizzate a introdurre efficaci sistemi di distanziamento fisico per contrastare la diffusione del Covid».

LA MODULISTICA

Il dipartimento “Lavoro, Sviluppo economico, Attività produttive e Turismo” precisa inoltre che «la modulistica allegata all’avviso pubblico costituisce uno schema e potrà subire delle variazioni, non sostanziali e non significative, al momento della trasposizione sulla piattaforma web e che, pertanto, per la presentazione della domanda occorrerà fare riferimento esclusivamente ai moduli presenti all’interno della piattaforma, secondo le modalità indicate».

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.