Il Presidente dell’ Istituto Nazionale Azzurro Lorenzo Festicini ha fatto il suo intervento sulla ricorrenza del cinquantesimo anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace

Il Presidente dell’ Istituto Nazionale Azzurro Lorenzo Festicini ha fatto il suo intervento sulla ricorrenza del cinquantesimo anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace

Reggio Calabria – In ricorrenza del cinquantesimo anno del ritrovamento dei Bronzi di Riace, anche il Presidente dell’Istituto Nazionale Azzurro Lorenzo Festicini si è pronunciato sulla conferenza stampa svolta nella Capitale. “Anch’io come il prof. Pasquale Amato, seguendo le dinamiche della nostra Città di Reggio e ovunque sono in Italia o all’estero mi onoro con orgoglio di esserne figlio e di farne conoscere le bellezze archeologiche, naturalistiche, storiche, religiose, culturali ed umane, sono rimasto attonito e amareggiato della conferenza stampa che si è svolta a Roma per i 50 anni dal ritrovamento dei Bronzi di Riace”. Continuando nel suo articolato discorso Festicini si pone delle domande, sul perché  l’incontro si sia svolto proprio a Roma? “Che senso può avere la presentazione delle celebrazioni fuori della Città di Reggio Calabria? Quali altre motivazioni sottostanno a tale scelta? È la nostra città che custodisce insieme alle bellezze della natura donate da Dio come lo Stretto, l’Aspromonte ecc…il magnifico Museo della Magna Grecia, della Sala Archeologica dove, tra i capolavori del mondo, rientrano i Bronzi di Riace che si impongono con tutta la loro bellezza e munificenza”.  Lorenzo Festicini -dichiara- “da tutto il mondo vengono per ammirare a Reggio Calabria questi capolavori artistici e storici.  I politici locali e regionali insieme al Governo centrale con tutta la stampa accreditata, avrebbe dovuto svolgere tale presentazione nella nostra città e sarebbe stata un’ottima occasione, purtroppo persa, proprio da coloro che dicono sempre di impegnarsi per lo sviluppo turistico e culturale, per attirare su Reggio Calabria un numero sempre maggiore di persone e personalità legate in vario modo al mondo storico, culturale, religioso, professionale e turistico. Bene ha fatto e condivido l’invito del nostro Sindaco f.f. al governo di venire a Reggio Calabria. . Nella fase finale del suo discorso il Presidente I.N.A. Festicini conclude dicendo – che non è la città, come stato detto, che viene proiettata sul panorama internazionale…ma è il panorama internazionale e governativo che si serve della ricorrenza (50 anni del ritrovamento dei Bronzi) per illuminarsi di ciò che è meraviglioso della nostra terra.  Un’altra incomprensione per la nostra bella e amata Città di Reggio Calabria, che non giova a noi stessi.  Soffriamo nel vedere tale leggerezza nel non essere considerati, ma nel dono nella fede coltiviamo la speranza, restiamo fiduciosi e attendiamo”.

​​​​​​​​​UFFICO STAMPA I.N.A

Michele Macri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.