Intelligence: Antonio Nicaso al Master dell’Università della Calabria: “Le mafie globali sono un attore economico e politico a livello globale. Occorre studiare la capacità di intelligence delle organizzazioni criminali”

Intelligence: Antonio Nicaso al Master dell’Università della Calabria: “Le mafie globali sono un attore economico e politico a livello globale. Occorre studiare la capacità di intelligence delle organizzazioni criminali”

(Rende, 9.2.2022) – Antonio Nicasodocente di storia sociale della criminalità organizzata alla Queens University di Kingston, in Canada ha tenuto una lezione al Master in Intelligence dellUniversità della Calabria, diretto da Mario Caligiuri. Nicaso ha evidenziato come la criminalità mafiosa si sia ormai organizzata a livello globale. A riguardo ha ricordato un aneddoto su Lucky Luciano, il quale pare abbia affermato che non esistono il denaro sporco e il denaro pulito, ma soltanto il denaro. Ha poi ricordato che le mafie nazionali, internazionali e transnazionali hanno enormi quantità di denaro da riciclare e da reinvestire e come recita la legge di Gresham” la moneta cattiva, quando arriva sul mercato, scaccia via quella buona.  

Nicaso ha quindi proseguito sostenendo che le mafie, soprattutto in Italia, nella prima metà del XIX secolo sono nate come fenomeni di controllo sociale da parte delle classi dirigenti, e quindi erano utilizzate da professionisti, proprietari terrieri, imprenditori. È per questo motivo che sono state legittimate dal sistema politico, economico e sociale nel quale si sono pesantemente radicateInternazionalizzandosi e diventando transazionali – ha ribadito – hanno mantenuto tale caratteristica, poiché non operano allestero soltanto per riciclare e investire ma soprattutto per controllare il territorio e infiltrarsi nelleconomia locale e quindi nella gestione di attività economiche e finanziarie. Allo stesso tempo, tentano di condizionare la pubblica amministrazione, sia a livello burocratico che politico, utilizzando le normative che in tanti altri Stati, come per esempio Germania, Olanda, Belgio, Austria non sono severe ed efficaci nel contrasto della criminalità mafiosa come in ItaliaLe mafie – ha spiegato – si sono spinte anche verso lEst europeo e questo perché lUnione Europea, finanziando lo sviluppo di tali Paesi, ha generato ingenti flussi di denaro che le mafie hanno puntualmente cercato di intercettare. Inoltre, nellaltro lato dellAtlantico, ci sono Stati, come Delaware, Nevada, Wyoming  che sono fortemente attrattivi per capitali e investimenti, tassazioni societarie con maglie normative molto larghe che consentono alle mafie di infiltrarsi pesantemente, nonostante le attività di contrasto del governo locale. 

Per il docente universitario di origine calabrese bisogna storicamente interpretare le mafie come fenomeni riconducibili non alle classi marginali ed emarginate, bensì alle classi dirigenti. Infatti, le loro caratteristiche più importanti sono sempre state la capacità di adattamento e di relazione. Capacità di adattamento ai nuovi scenari politici, economici e sociali: si veda, per esempio, a livello storico il mito del fascismo che sosteneva di avere sconfitto la mafia. In realtà la mafia siciliana, derubricata dal fascismo per motivi di propaganda a livello di semplice banditismo, ha avuto la capacità di adattarsi e di farsi legittimare anche dallo stesso regime. Capacità di relazione per usufruire di condotte agevolatrici, di concorso esterno, di contatti con la politica, con il mondo delleconomia e della finanza, con le classi dirigenti infiltrandosi nelle istituzioni dello Stato. Le mafie hanno infatti sempre avuto la capacità di essere parte integrante del sistema sociale, politico ed economico e rappresentano un potere che ha sempre potuto contare su legittimazioni, complicità e connivenze in alto e di consenso popolare in basso. Altra caratteristica significativa per Nicaso è rappresentata dalla managerialità dei mafiosi. Infatti le organizzazione criminali sono spesso unitarie, come la Ndrangheta lo è, che riescono a radicarsi nel territorio, facendo sistema e utilizzando le professionalità dellarea grigia. Oggi la mafia – ha spiegato – comincia a esplorare le opportunità offerte anche dal cyberspazio, utilizzando hacker, ingegneri informatici e programmatori per sviluppare alcuni propri traffici illeciti. Inoltre, nuovi campi di interesse criminale mafioso sono diventati il gioco dazzardo online e le truffe informatiche. Non c’è invece ancora nessun riscontro giudiziario della presenza strutturale delle mafie italiane nel settore delle criptovalute, esistendo soltanto qualche intercettazione investigativa e poco altro.

Esistono, invece, riscontri giudiziari – ha evidenziato – sul fatto che le mafie si siano dotate di strumenti di cybercomunicazione crittografata sicura. Utilizzare tali strumenti tecnologici non costituisce di per sé un reato poiché vengono utilizzati anche dalle aziende per proteggere i loro segreti industriali. I reati si verificano quando tali tecnologie informatiche si utilizzano per commettere crimini. A riguardo, ha illustrato lesempio dellFBI che ha utilizzato una applicazione (ANOM) servendosi diagenti sotto copertura, per carpire preziose informazioni legate al mondo del narcotraffico e di altre attività illecite.

La criminalità mafiosa – ha concluso il professore – sta diventando sempre più intelligente anche nel campo della geolocalizzazione. Infatti, i mafiosi non hanno soltanto la capacità di saper leggere e sfruttare a loro esclusivo vantaggio il territorio, ma fanno anche attività illecita di intelligence. Si infiltrano per esempio allinterno degli organi dello Stato – grazie a infedeli servitori dello Stato – per sapere se ci sono indagini in corso contro di loro, oppure riescono a modificare le rotte del narcotraffico in base alle informazioni che hanno a loro disposizione. Sono però ancora pochissimi coloro che si occupano di studiare la capacità di intelligence delle mafie nazionali, internazionali e transnazionali.

Michele Macri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.