KLAUS DAVI, ‘AEROPORTO A SINGHIOZZO COSTA AI REGGINI ALMENO 20 MILIONI DI EURO’

«Non si può pensare a uno sviluppo del turismo, ma neanche a una ripresa economica, senza un aeroporto funzionante». Per il candidato a sindaco di Reggio Calabria, Klaus Davi, la questione “Tito Minniti” è centrale. Più volte il massmediologo si è scagliato contro i vertici della Sacal e contro la classe politica e dirigente, colpevole, a suo dire, di una vera e propria svendita dello scalo che, invece, potrebbe essere funzionale anche per chi deve recarsi in Sicilia. «L’impossibilità di raggiungere agevolmente Reggio Calabria costa a cittadini, esercenti, negozianti e artigiani dello Stretto almeno 20 milioni di euro». La stima effettuata da Klaus Davi è impietosa e, allo stesso tempo, inquietante. 20 milioni di euro: «Tanto è l’impatto economico che avrebbe un collegamento regolare fra la città dello Stretto, Milano, Roma ma anche capitali estere. Reggio ha un potenziale attrattivo costituito dai Bronzi di Riace, ma non solo: con un aeroporto funzionante si potrebbe sviluppare il turismo nella bellissima Scilla, ma anche verso il mare della costa ionica e Gambarie d’Aspromonte, luogo incantevole, tra i pochi al mondo in cui è possibile sciare riuscendo comunque a vedere il mare». In un video Klaus Davi torna sulla vicenda Sacal, inadeguata secondo il massmediologo a gestire l’aeroporto: https://www.facebook.com/klausdavisindacoreggiocalabria/videos/vb.102789024835337/1424455691080662/?type=3&theater.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.