NUOVAMENTE IN STATO DI AGITAZIONE I LAVORATORI DI LOCRIDE AMBIENTE

Aristide Bava, SIDERNO – Il Coordinatore provinciale Slai-Cobas, Nazzareno Piperno ha dato comunicvazione che è stato attivato lo stato di agitazione dei lavoratori di Locride Ambiente nei Comuni di Siderno, Marina di Gioiosa, Monastercace, Grotteria e Motta San Giovanni “per mancata corresponsione delle retribuzioni e mancata consegna buste paga ” con esperimento di procedura conciliativa e di raffreddamento. “La decisione – dice la nota – è determinata dall’endemico ritardo nel pagamento delle retribuzioni il cui pagamento ormai è di fatto demandato dalla società all”intervento sostitutivo della Stazione appaltante che la scrivente organizzazione sindacale in nome e per conto dei lavoratori è obbligata ad attivare sistematicamente per ogni singola mensilità che altrimenti non verrebbe corrisposta. Si tratta, quindi, di un sistematico e reiterato inadempimento dell’azienda che, così operando, ha ormai per fatti concludenti rinunciato a far fronte ai propri obblighi retributivi . A ciò si aggiunga che l’intervento sostitutivo, per essere operativo e consentire così ai lavoratori di giungere a percepire le proprie retribuzioni, ha come condizione indispensabile la preventiva consegna delle buste-paga all’Amministrazione che interviene in via sostitutiva. Consegna sulla quale – aggiunge la nota – sistematicamente la società datrice fa ostruzionismo frapponendo ostacoli di ogni tipo al fine di ritardarne la consegna appunto, nonostante anche qui l’esistenza di un preciso obbligo a prescindere dall’effettivo pagamento e/o dall’attivazione dell’intervento sostitutivo. Dopo altre considerazioni la nota aggiunge che “L’odierna protesta è solo l’ultima di una lunga serie tutte dell’identico medesimo tenore che la scrivente organizzazione sindacale è stata costretta a proclamare nel corso del tempo, trascinandosi tale situazione da sempre se non nell’indifferenza certo in assenza di un intervento risolutivo degli organi preposoti al controllo e delle istituzioni cui pure spetta il compito di tutelare sul rispetto della legalità e sulle vertenze che, per loro natura, possono avere delle ripercussioni dirette sull’ordine pubblico a causa dei disagi sociali come nel caso che ci occupa ove si è in presenza di lavoratori costretti avivere e lavorare senza percepire per lunghi periodi alcuna forma di retribuzione”.. Nella parte finale si aggiunge ” Fermo restando lo stato di agitazione che oggi si proclama, si comunica che la presente nota viene anche inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri”.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.