SIDERNO 2030. ๐‹๐„๐“๐“๐„๐‘๐€ ๐€๐๐„๐‘๐“๐€ ๐€๐‹ ๐‚๐Ž๐Œ๐Œ๐ˆ๐’๐’๐€๐‘๐ˆ๐Ž ๐€๐ƒ ๐€๐‚๐“๐€ ๐๐„๐‘ ๐‹โ€™ ๐ˆ๐๐ƒ๐ˆ๐•๐ˆ๐ƒ๐”๐€๐™๐ˆ๐Ž๐๐„ ๐ƒ๐„๐‹ ๐’๐ˆ๐“๐Ž ๐’๐” ๐‚๐”๐ˆ ๐‘๐„๐€๐‹๐ˆ๐™๐™๐€๐‘๐„ ๐‹๐€ ๐ƒ๐ˆ๐’๐‚๐€๐‘๐ˆ๐‚๐€ ๐ƒ๐ˆ ๐’๐„๐‘๐•๐ˆ๐™๐ˆ๐Ž ๐๐„๐‘ ๐‹โ€™๐ˆ๐Œ๐๐ˆ๐€๐๐“๐Ž ๐“๐Œ๐ ๐ƒ๐ˆ ๐’๐ˆ๐ƒ๐„๐‘๐๐Ž

SIDERNO 2030. ๐‹๐„๐“๐“๐„๐‘๐€ ๐€๐๐„๐‘๐“๐€ ๐€๐‹ ๐‚๐Ž๐Œ๐Œ๐ˆ๐’๐’๐€๐‘๐ˆ๐Ž ๐€๐ƒ ๐€๐‚๐“๐€ ๐๐„๐‘ ๐‹โ€™ ๐ˆ๐๐ƒ๐ˆ๐•๐ˆ๐ƒ๐”๐€๐™๐ˆ๐Ž๐๐„ ๐ƒ๐„๐‹ ๐’๐ˆ๐“๐Ž ๐’๐” ๐‚๐”๐ˆ ๐‘๐„๐€๐‹๐ˆ๐™๐™๐€๐‘๐„ ๐‹๐€ ๐ƒ๐ˆ๐’๐‚๐€๐‘๐ˆ๐‚๐€ ๐ƒ๐ˆ ๐’๐„๐‘๐•๐ˆ๐™๐ˆ๐Ž ๐๐„๐‘ ๐‹โ€™๐ˆ๐Œ๐๐ˆ๐€๐๐“๐Ž ๐“๐Œ๐ ๐ƒ๐ˆ ๐’๐ˆ๐ƒ๐„๐‘๐๐Ž

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO. ๐ด๐‘™ ๐‘†๐‘–๐‘”๐‘›๐‘œ๐‘Ÿ ๐ถ๐‘œ๐‘š๐‘š๐‘–๐‘ ๐‘ ๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘–๐‘œ ๐‘Ž๐‘‘ ๐‘Ž๐‘๐‘ก๐‘Ž, ๐ผ๐‘›๐‘”. ๐‘ƒ๐‘–๐‘’๐‘ก๐‘Ÿ๐‘œ ๐น๐‘œ๐‘ก๐‘–

๐‘’ ๐‘.๐‘.ย  ๐ด๐‘™ ๐‘†๐‘–๐‘”๐‘›๐‘œ๐‘Ÿ ๐‘†๐‘–๐‘›๐‘‘๐‘Ž๐‘๐‘œ ๐‘“.๐‘“. ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™๐‘Ž ๐ถ๐‘–๐‘ก๐‘ก๐‘Žฬ€ ๐‘€๐‘’๐‘ก๐‘Ÿ๐‘œ๐‘๐‘œ๐‘™๐‘–๐‘ก๐‘Ž๐‘›๐‘Ž ๐‘‘๐‘– ๐‘….๐ถ., ๐ถ๐‘Ž๐‘Ÿ๐‘š๐‘’๐‘™๐‘œ ๐‘‰๐‘’๐‘Ÿ๐‘ ๐‘Ž๐‘๐‘’

๐ด๐‘™ ๐‘†๐‘–๐‘”๐‘›๐‘œ๐‘Ÿ ๐ถ๐‘œ๐‘›๐‘ ๐‘–๐‘”๐‘™๐‘–๐‘’๐‘Ÿ๐‘’ ๐‘š๐‘’๐‘ก๐‘Ÿ๐‘œ๐‘๐‘œ๐‘™๐‘–๐‘ก๐‘Ž๐‘›๐‘œ, ๐‘๐‘œ๐‘› ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘’๐‘”๐‘Ž ๐‘Ž๐‘™ ๐ถ๐‘–๐‘๐‘™๐‘œ ๐ผ๐‘›๐‘ก๐‘’๐‘”๐‘Ÿ๐‘Ž๐‘ก๐‘œ ๐‘‘๐‘’๐‘– ๐‘…๐‘–๐‘“๐‘–๐‘ข๐‘ก๐‘– ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™๐‘Ž ๐ถ๐‘–๐‘ก๐‘ก๐‘Žฬ€ ๐‘€๐‘’๐‘ก๐‘Ÿ๐‘œ๐‘๐‘œ๐‘™๐‘–๐‘ก๐‘Ž๐‘›๐‘Ž ๐‘‘๐‘– ๐‘….๐ถ., ๐‘†๐‘Ž๐‘™๐‘ฃ๐‘Ž๐‘ก๐‘œ๐‘Ÿ๐‘’ ๐น๐‘ข๐‘‘๐‘Ž

๐ด๐‘™ ๐‘ƒ๐‘Ÿ๐‘’๐‘ ๐‘–๐‘‘๐‘’๐‘›๐‘ก๐‘’ ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™โ€™๐ด๐‘ ๐‘ ๐‘’๐‘š๐‘๐‘™๐‘’๐‘Ž ๐‘‘๐‘’๐‘– ๐‘ ๐‘–๐‘›๐‘‘๐‘Ž๐‘๐‘– ๐‘‘๐‘’๐‘™๐‘™๐‘Ž ๐ฟ๐‘œ๐‘๐‘Ÿ๐‘–๐‘‘๐‘’, ๐ถ๐‘Ž๐‘ก๐‘’๐‘Ÿ๐‘–๐‘›๐‘Ž ๐ต๐‘’๐‘™๐‘๐‘Ž๐‘ ๐‘ก๐‘Ÿ๐‘œ

Il Movimento Siderno2030 รจ fortemente preoccupato per la situazione in cui versa lโ€™intero ciclo integrato dei rifiuti, malfunzionante e assolutamente carente dโ€™impianti, nel territorio afferente tutto lโ€™ATO 5 che comprende il territorio della Cittร  Metropolitana di Reggio Calabria.

Nel 2017, con lโ€™approvazione del Piano Regionale Rifiuti sono state disegnate le linee generali e strutturali del ciclo integrato dei rifiuti, prevedendo per la fascia Jonica reggina la realizzazione di una discarica a servizio dellโ€™impianto di San Leo, ove conferire gli scarti di lavorazione dellโ€™ impianto sito a Siderno.

La soluzione adottata dal Piano per la risoluzione di numerose problematiche del sistema,ย  rimase tuttavia inattesa in quanto l’Ato 5 di Reggo Calabria, non ottemperava a quanto di sua competenza alle procedure di individuazione del sito su cui realizzare la discarica a servizio dell’impianto di TMB di Siderno.

Allโ€™inerzia dellโ€™Ato 5 di Reggio Calabria, la compianta Presidente Santelli rispondeva con lโ€™ordinanza n. 45 del 20 maggio 2020 con la quale intimava al Commissario ad acta individuato con DGR n. 97 del 20/05/2020 di procedere entro 30 giorni, e quindi entro il 20 giugno 2020, allโ€™individuazione del sito di ubicazione della discarica.

Successivamente, la Cittร  Metropolitana di Reggio Calabria e per essa le figure responsabili della procedura, hanno convenuto di rimandare allโ€™Assemblea dei sindaci della Locride lโ€™onere di individuare il sito per lโ€™ubicazione della discarica, preferendo una scelta โ€œdemocraticamente che venisse dal territorioโ€ anzichรฉ โ€œimposta dallโ€™altoโ€.

Ebbene, sono trascorsi quasi due anni e quella che sembrava una scelta democratica non ha prodotto alcun risultato: i sindaci della Locride non hanno assunto nessuna decisione in merito alla scelta del sito sul quale realizzare la discarica di servizio, dove conferire gli scarti di lavorazione dellโ€™impianto TMB di Siderno contribuendo alla creazione di una situazione paradossale.

Alla luce dellโ€™inerzia degli organi preposti, neanche una seconda ordinanza del Presidente della Regione f.f. Spirlรฌ di intimazione al commissario ad acta affinchรฉ questโ€™ultimo procedesse allโ€™individuazione del sito ha prodotto alcun risultato tangibile e concreto.

Eppure, anche nellโ€™emanando Piano dโ€™Ambito di cui lโ€™ATO 5 si รจ appena dotato, viene ribadita la previsione della discarica a servizio dellโ€™impianto di Siderno.

Duole quindi soffermarsi sul fatto che, malgrado tutto quanto detto, a causa della incompiutezza della filiera del ciclo integrato dei rifiuti e della carenza dei relativi impianti per il conferimento e lo smaltimento dei rifiuti, la Cittร  Metropolitana ha deliberato lโ€™invio degli scarti di lavorazione fuori ATO, con uno spaventoso aumento dei costi del servizio, che inevitabilmente, oggi, รจ piombato sulle spalle dei cittadini attraverso un vertiginoso aumento della Tari.

Per quanto sopra rappresentato, il Movimento Siderno2030, fortemente preoccupato per la mancanza di un piano attuativo e per gli effetti dellโ€™inerzia e dellโ€™inconcludenza delle azioni della Cittร  Metropolitana e dell’assemblea dei sindaci,

๐‚๐‡๐ˆ๐„๐ƒ๐„

al Commissario ad acta, Ing. Pietro Foti, di voler riappropriarsi del ruolo proprio del mandato conferitogli onde procedere con urgenza allโ€™individuazione di un sito sul quale ubicare la discarica di servizio dellโ€™impianto di TMB di Siderno, utilizzando criteri di scelta oggettivi quali, lโ€™estensione territoriale, la densitร  della popolazione del comune e ogni altro criteri tecnico che riterrร  necessario.

#๐—ฆ๐—œ๐——๐—˜๐—ฅ๐—ก๐—ข๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฏ๐Ÿฌ

Michele Macri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato.