Siderno, domani il 14° presidio di protesta pro Casa della Salute

Siamo arrivati alla quattordicesima giornata di mobilitazione in cui i cittadini di Siderno e della Locride chiedono a gran voce il rispetto dell’art. 32 della Costituzione: Il diritto alla salute, avere un’assistenza territoriale nella Locride per evitare migrazione sanitaria, sacrifici alle famiglie, che molti non si possono permettere e non si curano più.

Continuiamo a chiedere incessantemente di essere ricevuti da circa quattro mesi, da tutti i responsabili provinciali e regionali, compreso il Commissario Straordinario Longo.

Non è concepibile che mentre si inaugurano laboratori, che entreranno in funzione non si sa quando, non si trovi il tempo di una telefonata per un incontro.

Si trova il tempo per iniziative mediatiche, ma noi abbiamo la necessità di azioni concrete ed efficaci.

Vogliamo sapere se la procedura di indizione del bando per i lavori già finanziati nella nostra zona, per quanto riguarda la Casa della Salute di Siderno, l’ospedale di Locri e la struttura di Caulonia è stata attivata.

Abbiamo la disponibilità della dottoressa Murdaca, responsabile del distretto locrideo a incontrarsi con noi e riteniamo che incontrare i cittadini che si interessano dei problemi sanitari, come previsto dalle norme, è un obbligo, che dovrebbe essere attuato a tutti i livelli.

Continueremo nelle nostre iniziative e vedremo di coinvolgere ancora di più i cittadini, anche con mobilitazioni più efficaci.

Aspettiamo tutti, invitando, di nuovo, gli amministratori della Locride, le associazioni presenti sul territorio a dare un contributo a questa iniziativa, che risolva la drammatica situazione sanitaria, con l’ospedale di Locri che non riesce nemmeno a garantire prestazioni indispensabili, all’ospedale di Siderno dalle 10.30 di domenica 7 marzo.

Ai cittadini di Siderno e della Locride lanciamo un appello: siate con noi, fatevi sentire, ribellatevi a questo stato di cose.

Michele Macri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *