Siderno. Giorno del Ricordo. Il Sindaco “La memoria è un’occasione fondamentale di espressione dell’identità e dell’unità nazionale”

Siderno. Giorno del Ricordo. Il Sindaco “La memoria è un’occasione fondamentale di espressione dell’identità e dell’unità nazionale”

COMUNICATO STAMPA

Il Giorno del Ricordo, istituito nel 2004, commemora le vittime di una grave tragedia del secolo scorso. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale in Istria, in Dalmazia e a Fiume ha avuto luogo uno dei capitoli più bui della nostra storia, che è necessario ricordare come monito per le future generazioni: 350.000 italiani dovettero scappare ed abbandonare la loro terra, la loro vita, incalzati dalle bande armate jugoslave. Decine di migliaia furono uccisi nelle Foibe o nei campi di concentramento di Tito. Una persecuzione perpetrata contro gli italiani della costa orientale dell’Adriatico, che hanno pagato duramente sulla loro pelle, costretti ad abbandonare i loro luoghi e case, le loro tradizioni, la loro antica civiltà. Per tanti le Foibe, delle cavità carsiche caratteristiche di quella terra, diventarono tombe comuni.

In questa ricorrenza vogliamo ricordare, dobbiamo ricordare – commenta il Sindaco di Siderno, Mariateresa Fragomeni – perché tutto ciò non possa più accadere. La storia è memoria collettiva, chiamata a svolgere un ruolo educativo. Conoscere la storia vuol dire anche guardare al futuro con maggiore consapevolezza. Questa Amministrazione Comunale invita la città a ricordare i fatti accaduti nel nostro passato recente perché se ne tragga un forte invito a lavorare insieme per la Pace, la Giustizia e, nel ricordo di nostri compatrioti, celebrare il valore del rispetto delle diversità e il valore della Vita”.

Per questo motivo – conclude il Primo Cittadino – il ricordo per me oggi è un dovere non solo come Sindaco ma soprattutto come cittadina, perché esso è un antidoto all’ignoranza e all’indifferenza. Lo studio della storia italiana nella sua totalità deve rappresentare, infatti, un monito perenne contro ogni forma di persecuzione, violenza e offesa alla dignità umana. Il Giorno del Ricordo non può ridursi a una commemorazione rituale ma deve diventare un’occasione fondamentale di espressione dell’identità e dell’unità nazionale: lo dobbiamo ai sopravvissuti, ai familiari delle vittime e ai rappresentanti delle Associazioni che coltivano la memoria di questa tragedia”.

In occasione del Giorno del Ricordo, nella giornata di oggi 10 febbraio, le bandiere del Palazzo Comunale e del Monumento ai Caduti saranno a mezz’asta.

Il Sindaco di Siderno

Mariateresa Fragomeni

Michele Macri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.