SIDERNO (RC): MARIA TERESA FRAGOMENI CHIEDE DI VOTARE A SETTEMBRE

Aristide Bava, Siderno – “Mi sono già attivata con l’Anci Calabria perché a Siderno si voti il 20 e 21 settembre, come negli altri comuni italiani. Votare in una finestra temporale compresa tra ottobre e dicembre sarebbe uno spreco di tempo e risorse, date le condizioni in cui versa la nostra città anche in seguito al dissesto. Credo che questa sia una battaglia di tutte le forze politiche che hanno a cuore il futuro di Siderno e il ritorno alla democrazia” – Così Mariateresa Fragomeni, candidata Sindaco a Siderno, in un post su Instagram. Non si sa se la richiesta sarà presa in considerazione a a parte questo dopo la circolare emessa dal Prefetto di Reggio Calabria Massimo Mariani,con sono stati indetti i comizi e tra i Comuni indicati non c’è , come si prevedeva, quello di Siderno in quanto sciolto per infiltrazioni mafiosi con scadenza del periodo di commissariamento nel secondo semestre 2020 e quindi soggetto ad un turno straordinario da tenersi – come recita la normativa – tra il 15 ottobre e il 15 dicembre, con eventuale turno di ballottaggio previsto due settimane dopo, il previsto allungamento della data del voto da una boccata d’ossigeno alle forze politiche locali. Queste che seppure avevano già iniziato le manovre elettorali avranno, ora, la possibilità di mettere a punto in maniera più ponderata le loro decisioni. Anche se già sono stati indicati tre possibili candidati a sindaco, vale a dire Domenico Barranza per il movimento ” Siderno nel cuore”, Antonio Cutugmo per ” Noi per Siderno” e Maria Teresa Fragomeni per il Pd, ci sono almeno altre due o tre possibili candidature che potrebbero essere ufficializzate quanto prima. In corsa per le elezioni amministrative è prevista infatti la possibili lista con altro candidato a sindaco del Partito Comunista, una ulteriore candidatura a sindaco da parte della ex maggioranza amministrativa che supportava Pietro Fuda ed altra possibile candidatura del movimento “InsiemeperSiderno” che potrebbe comprendere anche le rappresentanze di Forza Italia e di Fratelli d’Italia, Molto attesa è la decisione della ex maggioranza visto che lo stesso Pietro Fuda aveva manifestato la sua volontà di candidarsi malgrado la recente sentenza della Corte d’appello aveva confermato la sua incandidabilità ( lo avrebbe fatto proponendo ricorso in cassazione…). Questo slittamento delle elezioni potrebbe far cambiare le cose e forse portare Pietro Fuda ad un eventuale ripensamento. In quest’ultimo caso la ex maggioranza dovrebbe mettere sul “piatto della bilancia” il nominativo di un altro candidato a sindaco, Ma, come si diceva, tutto è legato alle decisioni dell’ex senatore. E, adesso, ci sarà ancora un poco di tempo per prendere l’attesa decisione.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.