Vaccino Covid, Draghi: “Con che coscienza si saltano liste?”

Conferenza stampa a Palazzo Chigi del premier Mario Draghi.

Con che coscienza un giovane salta la lista e si fa vaccinare?”. “Le dosi di aprile sono sufficienti a vaccinare tutta la popolazione che ha più di ottant’anni e gran parte degli over 75”.

La disponibilità di vaccini non è calata, i numeri sono come prima di Pasqua, sta risalendo secondo il trend previsto. Non ho dubbio sul fatto che gli obiettivi vengano raggiunti“, ha detto il presidente del Consiglio.

Nella campagna vaccinale “ci sono regioni più avanzate, ci sono molte diversità, insospettabili, questo dovrà influenzare le riaperture. Nelle Regioni più avanti sarà più semplice aprire. In tutto c’è la volontà mia e del governo di vedere le prossime settimane come settimane di riaperture e non di chiusure. Ma in sicurezza, a cominciare dalle scuole”.

“Le riaperture dovranno esserci ma non ho una data, ci stiamo pensando in questi giorni ma questo dipende dall’andamento dei contagi. Questo è un dato certamente, poi ce ne sono anche altri come l’andamento delle vaccinazioni delle classi a rischio”.

“La data del 30 aprile -spiega- è quella della scadenza del periodo previsto nell’ultimo decreto, dove si dice anche che qualora l’andamento delle vaccinazioni e dei contagi mostrasse la possibilità si possono riconsiderare le cose anche prima di quella data. Il governo sta lavorando su tutto questo”. fonte ansa.it

Michele Macri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *