Zaia “il focoloaio è stato causato da una persona con sintomi e tampone positivo, rifiutato il ricovero nel frattempo è andato a una festa”

Zaia ha spiegato che l’RT a 1,63 % è stato causato da un nuovo focolaio nel vicentino, causato dal ritorno a fine giugno dalla Serbia di un imprenditore, che è risultato poi infetto e ora è ricoverato in terapia intensiva, e che da causato 52 persone in isolamento fiduciario a Vicenza e 37 nel veronese. “Qui siamo davanti a una persona che dopo aver accusato i sintomi ed effettuato il tampone risultato positivo ha rifiutato il ricovero proposto dai sanitari, nel frattempo è andato a una festa, poi c’è la signora reticente che non vuol dire quali contatti abbia avuto, se le motivazioni al richiamo dell’etica non servono, allora lunedì presenterò una nuova ordinanza per inasprire le regole. L’ordinanza è già parzialmente scritta, avrei potuto firmarla oggi. Noi dobbiamo muoverci nei limiti di legge, la legge prevede una multa di mille euro, per me mettere a rischio la vita di molte persone vale più di mille euro, è ridicolo per me deve essere previsto, a livello nazionale un TSO, un ricovero coatto per i positivi che non possono andarsene in giro tranquillamente”.

E Zaia ha anche annunciato: “Ho dato disposizione ai Dg delle Ulss di valutare se ci sono gli estremi per la denuncia penale, ci deve essere tolleranza zero. Abbiamo buttato via 4 mesi? La morale è che grazie a questi ‘signori’ siamo passati da rischio basso a rischio alto. Quello che è accaduto è gravissimo”, ha concluso. (fonte adnkronos.com)

1 thought on “Zaia “il focoloaio è stato causato da una persona con sintomi e tampone positivo, rifiutato il ricovero nel frattempo è andato a una festa”

  1. Io non l’ho avrei più ricoverato lo avrei isolato facendolo morire
    Bastava divulgare che era infetto e la gente l’ho avrebbe isolato come un lebbroso
    Ma non mi sarebbe dispiaciuto perché era stata una sua scelta.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.